Confusi in un playback

E si consumano le scarpe da pallone, dentro la polvere

E sei lì, e ti senti un panchinaro. E ti piace pure, la tua vita da panchinaro di lusso che si vede scorrere davanti i campi di serie A, ogni tanto calpesta l’erba, respira il profumo ma non si sporca le mani con le cose della vita (quelle che facevano piangere i poeti).

E i più grandi si prendono il campo, tutto per sé

E siccome il campo, quello vero, non l’hai calpestato mai, non capisci perchè a loro piaccia così tanto essere irremovibili titolari. Salvo poi scoprire, quando tocca a te, che uscire dal campo, un attimo prima dello scadere è sofferenza pura.

E li guardi andare via, mentre fantastichi su di te

Ma la realtà non è mai come te la immagini. E forse è giusto così. E forse è bene così. Altrimenti, sai che noia. E ad un certo punto saltano tutti gli schemi. E non funziona più nemmeno il catenaccio. e capisci che il fantasista è importante, ma anche un buon mediano serve, e un difensore d’ordine e disciplina. E uno che sappia parare. Capisci che serve una squadra, persino tu lo capisci, tu che hai sempre pensato che tre persone sono già una folla.

E il cuore batte alla rinfusa, che serietà, nella fretta di portare pantaloni lunghi e personalità.

E capire che dopo un po’ l’abito serve anche lui a fare il monaco, ma se i pantaloni lunghi li puoi comprare al negozio all’angolo, la personalità non la vendono al mercato. Ma a differenza del coraggio di Don Abbondio, che se uno non ce l’ha non se lo può dare, la personalità si costruisce. E capisci anche che una sconfitta aiuta a costruire la personalità più di cento vittorie.

E ognuno lascia un segno sulle persone più sensibili

E conti le molte persone che hanno lasciato un segno, finché un giorno qualcuno comincia a dirti che il segno alla tua maniera lo stai lasciando anche tu.

E allora capisci che

all’insaputa di chi dimentica che c’è un niente che modifica il presente,

tu ormai, almeno quello l’hai capito. E sei sempre lì, in attesa di quel minuscolo battito di ciglia che, solo, è in grado di modificare lo scenario.

E avresti davvero anche tu voglia di confonderti, per un giorno o per un’ora, in un playback

Annunci

10 thoughts on “Confusi in un playback

  1. Queste cose che hai scritto sono in qualche modo allo steso tempo bellissime e angoscianti. E sono sensazioni che conosco così bene. Che hanno magari origini in cose diverse dalle tue ma che generano lo stesso stato d’animo. Un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...