Lunedì film – La finestra di fronte – Ferzan Ozpetek

Ya no estas mas a mi lado corazón

en el alma sólo tengo soledad

Giovanna (Giovanna Mezzogiorno) è sposata con Filippo (Filippo Nigro) e ha due figli. Lei fa la contabile in una polleria, lui si trascina tra un lavoro precario e l’altro. Insoddisfatta di sé, lei è infelice e si trascina in una normalità da cui vorrebbe evadere.

y si ya no puedo verte
por qué Dios me hizo quererte
para hacerme sufrir mas.

Un giorno Giovanna e Filippo incontrano sul loro cammino un anziano e smemorato signore che dice di chiamarsi Simone (Massimo Girotti). Lo accolgono e se ne prendono cura, cercando di ricostruire il suo passato e ricondurlo a casa

Siempre fuiste la razón de mi existir
adorarte para mi fue religión

Giovanna per spezzare il suo presente opprimente ed immaginare una vita migliore, spia di nascosto Lorenzo (Raoul Bova), il vicino che abita nel palazzo di fronte; sarà grazie a lui che Giovanna riuscirà a scoprire l’identità e il triste segreto del passato di Simone.E a scoprire che se lei spiava Lorenzo, Lorenzo pure spiava lei con altrettanta se non maggiore intensità.

en tus besos yo encontraba
el calor que me brindaba
el amor y la pasión

Simone in realtà è Davide Veroli, ebreo omosessuale scampato al rastrellamento del 1943, quando si trovò a scegliere se avvisare il maggior numero possibile di persone o l’amato (che scopriremo essere il vero Simone): scelse di avvisare la sua gente (e la donna che ora lo accudisce era una bambina salvata allora), ma Simone non ebbe scampo, e Davide trascorse il resto della sua esistenza a rimpiangerlo.

Es la historia de un amor
como no hay otro igual
que me hizo comprender
todo el bien, todo el mal

Sarà Davide/Simone, con la sua storia e le sue parole, a spingere Giovanna a guardarsi dentro e a scegliere coscientemente la strada da percorrere e a trovare nuovo slancio per inseguire i suoi sogni. O quel che ne resta.

que le dio luz a mi vida
apagándola después
hay que vida tan obscura
sin tu amor no viviré.

La Finestra di fronte è tutto fuorchè un film straordinario. Ozpetek spesso indulge ad un sentimentalismo mieloso e un po’ furbetto (non diversamente da Muccino), e questo, comunque, non è neppure il suo film migliore, meglio, molto meglio, Mine vaganti e Saturno contro, per dirne due.

Pure è un buon film, che avrebbe potuto essere migliore con una protagonista più coinvolgente della Mezzogiorno (altra interprete tipicamente mucciniana) che sarà pure un’icona di certo film sensibil-romantico-generazionale, ma a che a me pare, pur nell’indubbia abilità, sempre un po’ freddina e fuori parte, e con un Lorenzo diverso da Raoul Bova, espressivo come un blocco di ghisa.

Per contro, incanta la recitazione di Massimo Girotti (che morirà ultraottantenne al termine delle riprese e a cui è dedicato il film) straordinario attore che ha attraversato cinema, televisione e prosa dagli anni ’40 sino al 2003, e che con pochi misurati, impercettibili gesti disegna Davide/Simone, la sua sofferenza ed il suo dolore.

Ma l’altra (buona) ragione per parlare di questo film è l’uso sempre sapiente che Ozpetek fa della musica. Le sue colonne sonore sono sempre gioielli. Sempre.

Ma qui si supera e le note di Historia de un amor, nella versione di Guadalupe Pineda, si accompagnano alle immagini regalandoci tre minuti scarsi di grandissimo cinema.

Annunci

19 pensieri su “Lunedì film – La finestra di fronte – Ferzan Ozpetek

  1. Concordo con te iome, sugli attori (Mezzogiorno e Bova,ma perché li ha scelti??), sulla grandezza di Girotti, e sulla colonna sonora, che è stata la mia per un lungo periodo di vita, pure molto infelice, per cui penso non l’ascolterò per molto tempo ancora. 🙂

    • Amo follemente quel bolero. La miglior canzone d’amore mai scritta, probabilmente. Es la historia de un amor como no hay otro igual. Che altro resta da dire sull’amore, dopo. E comunque, la Mezzogiorno non mi piace, ma passi, almeno tiene la scena. Ma Bova? Ha due espressioni. Una frontale e una di profilo.

    • La Mezzogiorno è molto bella, sa recitare e le (poche) dichiarazioni sue che ho avuto modo di leggere/ascoltare denotano una donna piacevole ed intelligente. Detto ciò, a me personalmente, non scatena alcuna empatia. Credo che per lei sia un problema inesistente (e per me pure), ma sostanzialmente se me la ritrovo in un film che muove sfere emozionali, lo noto. Ma, ribadisco, siamo nel campo del soggettivo. Oggettiva, invece, è l’inespressività di Bova

  2. I film di Ozpetek mi piacciono molto e concordo sul tuo giudizio delle colonne sonore, sempre perfettamente in sintonia e particolarmente belle. Di questo film però mi è rimasta in mente di più Gocce di memoria. La scena che hai postato comunque è bellissima!

  3. Amo Ozpetek. Opera omnia. Ho una mia personale classifica e questo film, che comunque mi è piaciuto, era all’ultimo posto tra i suoi. Sarà anche il momento in cui l’ho visto, l’essermi un po’ troppo immedesimata, la colonna sonora (meravigliosa, come sempre a dire il vero) fa molto, ma anche il proprio stato personale può modificare la visione di un film e di un film di Ozpetek in paticolare. My 2 cents ovviamente. Ho detto, era all’ultimo posto, perchè è stato scalzato da Allacciate le cinture. Anche qui (e per chi conosce la mia storia e ha visto il film non sfuggirà il nesso), il mio stato emotivo ha giocato a sfavore del film. L’amica con cui l’ho visto è partita con una risalta convulsa al tradimento con la parrucchiera, un po’ meno quando lei si ammala.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...