La musica è finita, gli amici se ne vanno

È difficile dirlo meglio della ‘povna, che con Brioches, analizza i perché di una sconfitta che è stata certamente bruciante, ma altrettanto certamente non inattesa. E neppure, a voler essere onesti, ingiusta.

I segni dell’apocalisse c’erano tutti, bastava osservarli. E ascoltarli.

Il problema è che per ascoltarli occorre uscire dalle nostre enclave belle, pulite e profumate, che odorano di cultura, cura, scelta.

La vita, quella vera, quella della maggior parte dei nostri concittadini, è altra.

È una vita in cui la parola scelta, spesso, si concentra in un dualismo tra: pago la mensa della creatura o la bolletta del gas? Compro le medicine per la pressione o pago la pigione?

Poi ci si chiede perché si incazzino, e votino Lega. O M5S. Dipendendo, questo sì, dai gusti personali.

Oltre il 50% degli Italiani non ha votato un’idea. Ma una speranza. Quella di stare meglio. O un po’ meno peggio. Perché anche nella merda, ci sono le graduatorie.

Questo è un Paese che spesso si interroga. Ma facendosi le domande sbagliate. E accettando le risposte romantiche (intese come Romanticismo) e un po’ piagnone che piacciono e fanno stare sereni. Come Enrico, che poi, infatti, s’è visto.

Ridere di coloro che si accalcano a chiedere del reddito di cittadinanza è vile e crudele. Provate voi a non avere un cazzo, neppure la speranze. Poi, con calma, ne riparliamo.

Il PD ha fatto senz’altro progressi per la vita della società italiana, ma ammetto, senza infingimenti, che delle unioni civili, del fine vita o dello ius soli, mi fregherebbe il giusto, cioè molto poco, se dovessi ogni giorno combattere per la sopravvivenza quotidiana mia e dei miei cari.

E quando parlo di sopravvivenza quotidiana, parlo di dover considerare superflue cose che tutti noi consideriamo essenziali, acquisite e insindacabili.

In campagna elettorale ci è stato ripetuto con costanza quanto la sinistra sia buona, brava, bella e democratica. Quanto tenga ai valori della giustizia sociale e dell’accoglienza. Ma non una parola su come risolvere i problemi di quella fetta di popolazione, sempre più ampia, peraltro suo tradizionale bacino elettorale, che ha problemi non banali di sussistenza.

Si aggiunga, in questa sinistra, una protervia pari all’ignoranza.

Innanzitutto. Il reddito di cittadinanza è davvero un tabù inaffrontabile? Oppure si potrebbero riallocare diversamente certi stanziamenti di bilancio? È davvero impensabile contribuire alla creazione di un fondo di solidarietà facendo prelievi forzosi su certe rendite pensionistiche che superano (per fare un esempio) i 5.000 o i 10.000 euro?

Ridistribuire le ricchezze oltre una certa soglia per garantire la pace sociale non è un’eresia. È il fondamento delle migliori socialdemocrazie.

Possibile che tutto il PD non sia riuscito a trovare un solo rappresentante che in una qualsiasi trasmissione televisiva abbia avuto l’ardore e l’ardire di dire a Salvini che affermare che la flat tax è più equa delle aliquote progressive è una bestemmia sia economica che matematica? E poi alzarsi, trascinarsi ad una lavagna e con due semplici mosse che capirebbe pure mia figlia (terza elementare) dimostrare l’ovvio, e cioè che solo l’imposta progressiva garantisce l’equità fiscale.

Prendiamo uno che guadagna 100 e uno che guadagna 1000. Mettiamo un’aliquota fissa (flat) al 10%. Uno corrisponderà 10, e l’altro 100. Adesso consideriamo un’aliquota al 10% da 0 a 500, e una al 20% da 500 a 1000. Chi guadagna 100 corrisponderà sempre 10. Chi guadagna 1000 corrisponderà 50 (da 0 a 500) + 100 (da 500 a 1000) per un totale di 150 (in luogo dei 100 con l’aliquota unica). E ora l’indovinello: tra chi guadagna 100 e chi guadagna 1000 chi ha avuto maggior beneficio dalla flat tax?

È difficile spiegarlo? No. Il problema è che pensano: a) di avere dinanzi dei mentecatti che tanto (poverini) non ce la possono fare; b) che devono sporcare i loro bei discorsi aulici scendendo nel dettaglio dello sporco quotidiano. Non fosse mai.

C’è qualcuno che vuole prendersi la responsabilità di dire che oggi, l’ascensore sociale, in Italia, è bloccato? Che anche se hai dei meriti, comunque l’essere nati bene rappresenta un vantaggio non colmabile? È sempre stato così, dite? No. È sempre stato abbastanza così (essere nati bene aiuta, anche nascere belli aiuta, se è per quello), ma nel passato il merito consentiva (col doppio o il triplo dello sforzo) di colmare quel gap. Oggi, merito o meno, se non hai una base di partenza sei condannato a crepare in un call center. O a fare il pony express a Cinisello.

Non faccio per dire, in quell’abbastanza, ci passa un mondo.

I licei sono intasati da figli di papà ignoranti come zappe, spesso privi di consapevolezza sociale e, quel che è peggio della consapevolezza del loro essere dei privilegiati, e dotati un ego ipertrofico alimentato da genitori accudenti che, dopo aver passivamente accettato cinque trascorsi ad osservare i libri con lo sguardo consapevole di una mucca al pascolo, ed essersi scagliati contro professori mai all’altezza e incapaci di comprendere le profondità della psiche degli amati virgulti, consentono loro di trasferirsi a marcire per un tempo illimitato presso un ateneo a caso in una facoltà a caso, che tanto è lo stesso, è il pezzo di carta che conta e poi nonna ci resta male.

Nel frattempo, nei professionali e negli istituti tecnici ci sono potenziali che nessuno svilupperà mai. E di cui a nessuno fotte mediamente un cazzo (a parte qualche eroico insegnante, su cui comunque non si può pensare debba poggiare il peso dell’equità scolastica di questa Repubblica).

Il problema non è la tanto paventata fuga di cervelli, che coinvolge alla fine un numero ristretto di persone, quasi sempre anch’esse provenienti da ambienti privilegiati. Perché molto spesso non si tratta di veri cervelli in fuga ma di dipendenti dislocati altrove dai loro datori di lavoro che sono a loro volta multinazionali con sedi sparse nel mondo. Se mi assumono a Milano e dopo un paio d’anni mi trasferiscono a Londra, si chiama trasferimento, non fuga.

E ti chiedi: ma questa classe politica sa che cos’è l’ascensore sociale? Quale depauperamento porti (a tutti noi, nessuno escluso) il suo blocco?

Quali talenti andremo a disperdere? Quanto ci costerà non tanto nel breve, ma nel medio e lungo termine?

Questi interrogativi per dire che ridurre il problema a Renzi e al renzismo implica un’auto-assoluzione che, nei fatti, la sinistra non può, oggi, permettersi.

La sinistra deve ritornare a fare la sinistra. A rappresentare progresso e giustizia sociale, non a fare l’occhiolino all’alta borghesia fintamente illuminata (perché quella illuminata davvero di fronte a tanto ciarpame, li voterebbe comunque).

E deve ritornare a fare la sinistra non per prendere voti, ma per ritrovare se stessa. Non per andare in cerca di un comunismo che, è ovvio, non esiste più, ma di una socialdemocrazia vera che consenta a tutti, ultimi compresi, di vedere rappresentati i loro bisogni.

Per riprendere a far funzionare quell’ascensore sociale che, unico, può far riprendere slancio al sistema Paese, facendo il bene di tutti. Anche del figlio del fascista. Perchè questo è sempre stato il valore della sinistra. Il resto, perdonatemi, sono cazzate da salotti buoni per cui mi manca il tempo, la voglia e l’attitudine.

11 pensieri su “La musica è finita, gli amici se ne vanno

  1. Concordo su tutto. In parte alcune di queste cose vengono dette nel primo degli articoli che linko nel mio post, se hai voglia di darci un occhio. In parte ne abbiamo detto tanto, tra noi (la parte sulla scuola mi pare, come dire, un po’ figlia di un collettivo modello Bourbaki 😉 – condivido anche la chiosa, ça va sans dire); in parte la questione dell’ascensore sociale è davvero cruciale, ed è verissimo che la questione non è la fuga dei cervelli ma la non-fuga dei poveri dalla loro situazione di povertà.
    Due sole cose brevi. La prima è un dato di fatto: ho seguito questa campagna elettorale, tutta, tutta, tutta, tutta, ovunque, ovunque, ovunque, ovunque: per la verità sulla flat tax si sono espressi tutti, sia Pd sia LeU, ovunque e in ogni forma, dal talk show al meme su FB passando per gli articoli di giornale, ma ovunque proprio. Ma la flat tax piace a chi ha votato Lega (che no, socialmente non ha la stessa provenienza di chi ha votato 5S, e non è solo geografia). Sul reddito invece hanno fatto solo ironia, ed è chiaro che, se declinato come proposto dai 5S era puro sussidio, ci sono altri modi per declinarlo che non avrebbero dovuto essere accantonati (ma questo, come dicevo da me, presupporrebbe non avere approvato le leggi solo a colpi di fiducia).
    La seconda riguarda invece quanto dici su Renzi e il renzismo, e su questo concordo sostanzialmente ma dissento retoricamente: Renzi ha avuto il demerito di cavalcare un cambio di linguaggio accompagnandolo alla conventrizzazione di un partito (non è mica un caso che tutti gli esperti economici siano stati all’opposizione in questo Pd, eh, per poi per lo più uscirne). Non è l’unico responsabile, ma è come se avesse sparso una pece che non ha consentito di comprendere il resto (una pece che per di più ha fatto leva sul solito principio di rivalsa di cui parlavi, eh – i semi-giovani che, nella disperazione del non lavoro post-crisi, si sono visti inquadrare in una carriera fulminea nel partito, e con ciò spostando, freudianamente, un senso di fallimento economico-sociale, perché non si può arrivare a 30 anni e essere ancora improduttivi). In questo senso ciò che ha portato Renzi, anche in termini di populismo, non va sottovalutato, perché quel populismo retorico, contestuale allo svuotamento sostanziale delle proposte economiche di sinistra, ha contribuito a portare acqua al mulino delle altre due destre in campo.

    • La parte sulla scuola, decisamente figlia di un collettivo, è paradigmatica di come molti di noi, che vivono col culo nel burro (cit.) non abbiano il minimo sentore di vivere nel privilegio (e quel titolo, Brioches, dice tutto, ma già lo sai). Sulla flat tax, certo l’hanno detto, ridetto e stradetto, ma quel che serve sarebbe alzarsi dalla sedia, gessetto alla mano e fare degli esempi. Se ambisci a farti capire fuori dalla tua cerchia. È, anche, un problema di comunicazione.

      • Lo hanno detto esattamente col gessetto; non ambisco a difenderli, ma hanno fatto esattamente questo, sulla flat tax. Hanno usato l’esempio dei calciatori, con ciò cavalcando il peggiore qualunquismo, per farsi capire. Su questo, rassegnati: al nord la flat tax, semplicemente, piace assai.

    • Grazie, ma in realtà una mia candidatura rientra nei periodi ipotetici dell’irrealtà. Non ambisco. E comunque, la politica è una cosa seria, serissima. Fatta di studio e preparazione. Altrimenti è uno state lì, a far numero.

  2. “Io,me”, quanto mi piacerebbe sapere che ci sono persone che ragionano come te alla guida di questo Paese e non la solita casta bizantina abile solo a rigenerarsi e proporsi sempre come i novelli salvatori di quella patria che hanno contribuito a far sprofondare nel baratro chiacchierando tanto ma agendo molto poco e sempre con un occhio rivolto agli amici. A mio parere ci vuole anzitutto un sistema elettorale senza tante scialuppe di salvataggio, ma ti presenti in un solo collegio, così solo se meriti vai avanti, altrimenti a casa e così, forse, si avrebbe una classe politica più attenta ai bisogni dei cittadini elettori; questa sarebbe la vera Democrazia, non l’attuale dove gli eletti sono scelti dagli inamovibili padroni dei partiti. Forse in queste parole c’è una vena di qualunquismo, ma mi è venuta la nausea di ritrovarmi eternamente davanti le solite facce e i soliti problemi irrisolti da decenni.

  3. sei stata chiarissima. Vi leggo e siete meravigliosamente preparate ed è davvero un piacere . Io continuo ad essere sgomenta. pietrificata .Magari a breve trovo occasione di movimento. Positivo spero.

  4. non sto a dirti che concordo con quanto scrivete entrambe, è abbastanza lapalissiano. aggiungo (tardi) due piccolissime riflessioni. la prima: questa non è un’analisi post-voto, ma qualcosa che per me è (o doveva essere) altrettanto lapalissiano da tempo. eppure, eppure il rapporto con le elezioni rimane condizionato da una “biologia dell’attesa” che non distingue l’aspettativa pre-elettorale da un pre-partita calcistico: sai il risultato ma speri che fino all’ultimo possa arrivare il gol a sorpresa. ho molto riflettuto su quanto i media possano incidere su questo.
    la seconda: il sentimento identitario nei confronti del “grande partito” non può prescindere dalle questioni morali, tanto quanto non può escludere (come ha fatto e avete giustamente discusso) i bisogni della gente, perché anche queste rispondono ad un bisogno “fisiologico” del’individuo. non è utopia pensare che le due istanze – adeguate ai tempi, ovviamente – possano andare di pari passo (e anche i recenti “piccoli” esperimenti delle amministrazioni locali, milano in primis, lo avrebbero anche dimostrato – esempi da cui il PD non ha raccolto alcun insegnamento)

    • Mi permetto però di aggiungere che forse l’errore lo stiamo facendo in partenza, continuando a considerare il PD una forza di sinistra: cosa che va bene solo a chi vuole agitare lo spauracchio dei cosacchi che vanno ad abbeverare i cavalli nelle acquasantiere di San Pietro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...