Seduto o non seduto faccio sempre la mia parte

E’ vero il fatto che i figli ti spingono a fare cose che non avresti immaginato mai.

L’antefatto. La nana frequenta un corso di danza. Una danza gioco, quindi non immaginatevi punte e affini. Diciamo una faccenda che s’avvicina alla danza ed insegna a sciogliersi un poco.

Le piace, ci va volentieri. Al momento non si segnalano scene di isteria collettiva con madri di aspiranti prime ballerine del Bolscioi a cagare il cazzo.

Almeno, così pare, visto che in effetti, la nana, per l’intera stagione, deve essere apparsa ai più orfana, dal momento che l’accompagnamento della stessa è stato delegato in toto alla nonna, cioè mia madre.

La quale, circa quindici giorni fa, mi annuncia che fra due domeniche sarebbe avvenuta la vendita dei biglietti per il saggio. In genere queste comunicazioni mi vengono date mentre sto lavorando, e tra una grandinata di casini e l’altra reagisco con la seraficità propria di un’ottuagenaria sotto xanax. Sorrido e dico: ‘vabbé e che ci va? Solo, aspetta che me lo segno.’

A quel punto la genitrice si sente in obbligo di estendermi il punto due della faccenda, che da qui in poi chiameremo corollario (per non chiamarlo in almeno venti altri volgarissimi modi).

Pare infatti che svolgendosi il saggio medesimo nel locale teatro comunale, la prevendita dei biglietti scateni bassi istinti omicidi tra le genitrici delle Pavlova in erba, con gran cacatura di cazzo generale.

E sì, perché, mentre le nanerottole si arrabattano nella loro danza-gioco, giovani virgulte dedite alla qualunque (jazz- hip-hop e altre robe di cui fino a ieri disconoscevo l’esistenza) e spalleggiate da madri con una dose di maniacalità che in confronto il padre di Michael Jackson era la Montessori reincarnata, s’accalcano per sti cazzo di biglietti.

Il locale teatro comunale ci conterrebbe tutti più o meno egregiamente, ma si dà il caso che io debba a) collocare l’intero nonnodromo senza che esso debba assistere alla prémière dopo aver fatto ventisette piani di scale, b) sistemarlo evitando di farlo pencolare nel vuoto, c) tenere conto del meteo, che lì dentro fa caldo già d’inverno figuriamoci in estate, e comunque in questi giorni stiamo sfiorando temperature subsahariane.

Per contro, quando mi è stato detto che c’è gente che s’accampa alle 5.30 della domenica mattina per un biglietto che verrà venduto a partire dalle 14.30, ho fatto una crassa risata e sollevato il dito medio.

Poi. Poi mi sono fatta il film del: nonnodromo incazzato (si vede, non si vede, fa caldo, fa freddo, fa tiepido, minchia le scale, minchia lo strapuntino, minchia lo sgabello, minchia appunto), la nana che si guarda intorno cercando la sua famiglia, senza riuscire a metterla a fuoco, gli occhi pieni di lacrime e un trauma che le costerà anni di psicoterapia peraltro priva di esiti. E sarebbe tutta colpa mia. Rendiamoci conto.

Insomma le pippe medie della media madre italica preda dei sensi di colpi e della propria comprovata coglionaggine.

Per cui, giusto ieri, all’alba delle 8.30 salpo da casa alla volta del sito in cui si sta svolgendo sì pregiato raduno. Direte, non rompere il cazzo che le 8.30 non sono l’alba. A parte che per me le 8.30 della domenica SONO l’alba, la tragedia incombente nasce dal resto.

Intanto, per essere le otto e mezza fa già abbastanza caldo, nonostante un temporale notturno che non è servito ad altro che ad alzare una cappa di umidità che rende bianco il cielo e ad inviperire oltre misura un battaglione acrobatico di zanzare sponsorizzato dalla locale sezione AVIS.

Arrivo, e scopro che la mia levataccia si è meritata il numero 29. Siccome caduno può ramarsi su 6 biglietti, significa che sono già evaporati (e parola mai fu più appropriata) 174 posti a sedere.

Scopro inoltre che c’è gente che staziona DAVVERO lì dalle sei. Vorrei potermi ubriacare. Ma fa troppo caldo. Cerco di fuggire, recando con me il numeretto artigianale che mi hanno appioppato e mi guardano come un’idiota. Comprendo di aver pestato la prima merda di una lunga giornata. Mi spiegano, con la pazienza che si utilizza con i minus habens, che potrebbero essere contraffatti i biglietti, quindi solo la permanenza è simbolo di garanzia.

Vorrei ribattere che a) contraffare i biglietti oltre ad essere una roba da mentecatti è anche inutile (se ti ritrovi con due otto, che cazzo fai, indici una battaglia gladiatoria e vinca il migliore?) b) chi cazzo vuoi che si metta a contraffare un 29, onestamente. Uno col 62, direte. In effetti, può essere.

Ma non ho voglia di questionare, non ho voglia di fare il genio della lampada, arrivo da una settimana di merda, e me ne attende una altrettanto merdosa. Fa caldo, e io odio il caldo sin dall’infanzia. Mi siedo, e cerco di partecipare a conversazioni che non condivido con gente che non comprendo. Un’allegria di naufragi.

Ogni tanto mi chiama l’Uomo, rimasto a casa a badare alla nana. Quando non chiama onestamente è meglio. Che non è che mentre sei lì a romperti le palle, al caldo, senza vie di fuga, sentire uno dall’altra parte che ripete come un mantra, ‘ma va’ che cagata, ma va’ che cazzata, ma siete una massa di deficienti’ sia esattamente terapeutico. O meglio sarebbe anche terapeutico, se tu potessi prenderlo a pedate. Ma è distante. E si meraviglia pure che ti incazzi.

L’Uomo, poi. Lo stesso che poi, se la nana non ci avesse visti, e pianto successive calde lacrime, avrebbe intonato la litania b. ‘Ma poverina, ma povera stella, ma povera gioia’.

Finalmente alle 14.30 s’appalesano con i biglietti. Nonostante la ‘prevendita’ dei numeretti, è bagarre. Iome osserva in disparte che lei non ce la può fare, né tanto né poco. Poi gli animi si calmano, le isterie s’affievoliscono, e restano solo le frecciatine puerili.

Iome ne uscirà due ore più tardi. Dopo otto ore colà trascorse. Praticamente una giornata di lavoro. E con posti a sedere decorosi. Che comunque, qualora non dovessero piacere, a chi avrà da ridire faccio mangiare il programma.

Ne uscirà due ore più tardi, dopo un’attesa che neanche per il concerto del Liga ormai troppi anni fa. Dopo ore di chiacchiere inutili, con una sensazione di incredula perplessità, che lei, iome, si è sentita per una vita superiore a ste cagate e invece eccola lì, disciplinata come una scolaretta.

Ne uscirà due ore più tardi, con l’onesta convinzione che se l’anno prossimo la nana dovesse ancora optare per la danza, sarà ancora lì disciplinatissima, ad onorare una manfrina che, al fondo, disprezza (anche se spera, in franchezza, che la nana si dia al rugby).

Ne uscirà due ore più tardi dopo aver capito che puoi andare e tornare, e crederti intelligente, di buon senso ed emancipata. Ma alla fine, la vita ha quel potere atavico, che si riassume nel fatto che i figli so’ piezz’e core. E non c’è niente da dire. E soprattutto non c’è niente da capire

Annunci

44 pensieri su “Seduto o non seduto faccio sempre la mia parte

  1. ahahahhah! Come dissi alla Spersa qui bambini sul palco del teatro Argentina a cantare (?) la Traviata in costume insieme ad altri millemila bambini, ho visto fare e fatto cose che mai avrei creduto e in più il nonnodromo coalizzato mi prendeva per i fondelli…che loro corca …

    • Loro. Ma noi in preda alla nota sindrome madredemm mai deluderemmo le creatura. mia madre è passata per cinque minuti verso mezzodì. Sinceratasi che fossi ancora in vita e non avessi ancora ucciso nessuno ha adotto un fastidioso maldigola da condizionatore ed è evaporata con la rapidità con cui si è palesata.

  2. Ora capisco che a me è andata di lusso con il saggio di Issa (prevendita dilazionata nel tempo ma senza posti assegnati, in pratica un’ora di attesa fuori dal teatro prima dell’inizio).
    E l’ultimo paragrafo lo sottoscrivo!

  3. “Dio manda le disgrazie sulla Terra perché gli uomini scrivano romanzi” (Paul Valery). O racconti. E sappi che la prossima volta devi scrivere un racconto meno divertente, o io continuerò a pregare qualcuno in cui non credo di mandartene altre!

    P.S.: bentornata. Valeva la pena aspettare ;-).

  4. certo che “loro” non aiutano per niente, però, eh. ti ammiro, perché in bilico sul sottile filo tra la tua scelta e il dito medio non sono sicuro che sarei caduto dalla stessa parte (e chissà quanto conta l’aspetto XX/XY in questo)

    • L’aspetto XX/XY è essenziale. A parità di amore (che è ovviamente fuori discussione) l’approccio è diverso anche se ieri purtuttavia qualche padre c’era. Se poi fosse lì perché minacciato di divorzio nin zo

  5. M’inchino e mi levo il cappello.
    Pensavo di essermi immolata per bene con i vari tornei calcistici della durata giornaliera, ma ben poca cosa di fronte a questa prevendita degna della coda per l’ultimo aifon.

  6. al concerto del Liga non so quale attesa ci fosse (belle alcune canzoni, ma io mai andato); a quello di quel De Gregori là (quello del titolo e della chiusa, insomma) … bah! diciamo che era più pericoloso. Non so se rendo l’idea. Cmq, una normale scuola di danza non poteva acquistare e distribuire lei medesima i biglietti?

  7. Mai fatto danza. E, soprattutto, mai costretto la famiglia a venire a saggi/gare/etc (rispettivamente di ginnastica, nuoto, equitazione, atletica). Lo sport era un settore della mia vita che apparteneva rigorosamente a me, per fortuna! 🙂

  8. io, circa venti anni fa, lo feci davanti all’A.R.C.I., per iscrivermi in piscina. la fila iniziava a mezzanotte e la segreteria apriva alle 8,30. oggi, al limite, cambierei sport 😛

  9. Io 18 o 19 anni fa (la nebbia della memoria) feci la notte in piedi per iscrivere il figlio all’asilo nido (privato! per quello pubblico sarebbe stato comunque impossibile avere mai un posto).

    Sic transit gloria mundi. Ed auguri per il Gran Giorno.

    Anonimo SQ

  10. Anni fa a Firenze c’era una strana mafia per i biglietti del teatro e per procurarseli era necessario “fare nottata”. Un anno io e un amica ci siamo spartite una nottata, con chiamata ogni ora (mi pare per un Fidelio e un Tannhauser) al termine della quale coda io e l’amica convenimmo insieme che code di quel genere si facevano 1) per l’acqua potabile 2) per le medicine 3) per il pane, ma NON per dei biglietti d’opera, in un mondo sì felicemente pieno di musica com’era il nostro, e dunque il Maggio Musicale cercasse un po’ di arrangiarsi anche senza di noi.
    Pochi anni dopo le cose cambiarono e da allora chi vuole un biglietto per la stagione lirica e concertistica del Teatro Comunale va al teatro in questione in orario appropriato e dopo una eventuale coda di pochi minuti, massimo mezz’ora se proprio ci sono spettacoli specialissimi con cast interstellari.
    Ecco, spero che intervenga anche da voi un consimile cambio di gestione, perché mi rendo conto che nel tuo caso al biglietto non si può rinunciare, ma la procedura è DAVVERO scocciante, specie quando fa caldo…

    • Negli anni di internet e della qualunque anche un’idiota riuscirebbe ad elaborare una strategia più efficace e meno ridicola, ne consegue che si tratta di un format teso a vellicare l’ego di quattro decerebrate e a rompere i maroni a tutti gli altri. Peraltro ribadisco non fosse per il nonnodromo potrei andare all’ultimo essendo l’uomo ed io assai accomodanti

  11. I saggi di danza da sempre sono una piaga sociale.Tu non hai parlato di costi ma so che fra costumi e affitto del teatro se ne va una cifra.Ma questa dell’attesa di mezza giornata supera qualunque altra nefandezza.Mi complimento con te,io non sarei riuscita a stare tanto tempo per prendere i biglietti,piuttosto avrei mandato il nonnodromo ….
    Però con mio marito ci siamo girati tutti i palazzetti dello sport siciliani per vedere perdere sistematicamente il nostro figlio schermidore.Anche questo è amore

    • Guarda, qua i costumi a parte la gran rottura di palle di cucirci su la qualunque (paillettes, nastrini, etc) son di prezzo davvero contenuto (ma non so salendo poi di livello, che noi siamo ancora ai puffi). sulla seconda parte, sì, anche questo è amore. Che senza amore, certe cose, ecco, manco dipinti

  12. niente danza, saggi di ginnastica in palestra scolastica e di nuoto sincronizzato in piscina comunale: chi prima arriva si siede, gli altri stanno in piedi.
    comunque, nelle ultime sere qui da me ci son ole finali dei tornei di pallavolo e calcio delle squadrette varie di oratori/quartieri/società locali. io le vedo dal balcone che dà sul campo dell’oratorio. cose che manco a san Siro tra i Boys o nella Fossa dei Leoni.

    • Infatti vorrebbe provare il pattinaggio su rotelle, che si svolge in palestra e mamma la sostiene caldamente… Sui campi da calcio e di pallavolo avvengono cose da non credere. Ma anche le madri convinte di essere fornite della fracci del nuovo millennio son messe male

  13. Per tutto il tempo ho pensato che “otto ore”, “accamparsi all’alba”, “otto ore ivi trascorse” fossero una metafora :O
    Anche io odio il caldo, ma lo odio al punto che a marzo comincio a opprimermi che tre mesi dopo (ottimisticamente) ricomincerà l’umido inferno zanzaroso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...