#ioleggoperché – Andromeda – Michael Crichton

Dalla quarta di copertina:

Se in una bottiglia può trovar posto un numero di batteri dieci volte maggiore del numero degli abitanti del pianeta, allora è probabile che un eventuale incontro dell’uomo con una forma di vita extraterrestre avvenga su un piano ben diverso da quanto immaginato da certi scrittori affetti da romanticismo. Arizona, fine anni Sessanta. Un satellite, atterrato dopo aver compiuto la sua missione nello spazio, sparge una terribile, misteriosa malattia… La scoperta del ceppo Andromeda provoca un vero terremoto nella comunità scientifica: “quasi tutti gli interessati alternano momenti di brillante intuito a momenti d’inspiegabile stupidità”. In gioco la vita stessa dell’uomo sulla Terra.

 

Un vero e proprio techno-thriller. Datato 1969. E ci sarebbe ogni ragione di credere che sia ormai agé e sorpassato. E invece, è attualissimo. Oltre che godibilissimo. L’aspetto più coinvolgente delle opere di Crichton è che in esse la scienza non è un pretesto per il romanzo, è il romanzo ad essere pretesto per parlare di scienza. Come si può desumere dal fatto che i suoi romanzi sono sempre corredati da un’ampia bibliografia.

Copertina anteriore

 

 

Annunci

10 pensieri su “#ioleggoperché – Andromeda – Michael Crichton

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...