Lunedì film – Tacchi a spillo – Pedro Almodovar

Corre l’anno 1991. Pedro Almodovar, reduce dal successo di Donne sull’orlo di una crisi di nervi, che lo lancia sui circuiti internazionali, confeziona un film che rappresenta un anticipo, consistente, della sua poetica.

Non manca nulla. Una tormentata relazione madre-figlia, la rappresentazione del decadente mondo dello spettacolo, gli immancabili triangoli amorosi, il conflitto di identità (sessuale, soprattutto) e la storia di una generazione cresciuta in una Spagna ormai libera dal franchismo.

E’ la storia di una figlia Rebeca (Victoria Abril, una delle attrici feticcio di Almodova) e di una madre Becky (Marisa Paredes, altra attrice feticcio, qui semplicemente straordinaria). Una madre e una figlia separate da anni, per volontà della prima, che trovatasi a scegliere tra maternità e carriera, sceglie, insindacabilmente, la seconda

Rebeca, che prova una fascinazione per la madre che sconfina nella venerazione, è disposta a tutto perdonare. Ma come in ogni film di Almodovar, c’è sempre un ma.

Rebeca è sposata con l’ex-amante della madre, Manuel (Feodor Atkine). Lui non ha mai dimenticato lei, lei non ha mai dimenticato lui. Le acque diventano torbide, e gli antichi rancori tornano a galla.

Entra in scena il giudice Dominguez, un Miguel Bosé sublime nel suo non essere mai macchietta, personaggio chiave della pellicola, giacché nel ruolo di giudice rappresenta l’autorità, ma sarà anche la chiave per entrare nella contorta psiche di Rebeca, che si innamora del giudice quando questi opera nei panni di Letal, un travestito che imita Becky, e che, come dice Rebeca alla madre “Quando mi mancavi, andavo a vederlo, perchè mi ricordava te.”

Ad un certo punto, l’inevitabile. Manuel, il vertice del triangolo amoroso, viene trovato morto nel suo chalet.

E da qui prende il via un più che discreto poliziesco di contorno (e per questo il racconto della trama si ferma con la morte di Manuel).

Una menzione speciale va alla colonna sonora, che potenzia le emozioni del film,  e imperdibili sono Piensa en mi,  e Un año de amor, entrambe affidate all’interpretazione di Luz Casal.

Il film prende le mosse da “Sinfonia d’autunno” di Bergman, che viene citato, (madre artista e figlia con insopprimibile complesso di inferiorità) però si allontana anni luce dalle spirali psicanalitiche di Bergman, e aggiunge crimini, travestiti, humour. In una parola, vita. Il viaggio da Bergman ad Almodovar si traduce in meno Freud e più Chanel, bellezza.

Che “Tacchi a spillo” è pellicola profondamente femmina, partendo dall’oscuro oggetto di desiderio rappresentato dal morbosissimo travestito interpretato da Miguel Bosé, con splendidi primi piani di scarpe.

C’è passione, sentimento a fior di pelle, melodramma, commedia, amore, odio e leggerezza. Gli attori sono in sintonia, con se stessi, con il regista, con gli altri protagonisti, e l’opera diventa corale. Soprattutto paiono coscienti del fatto di stare recitando in una di quelle pellicole che chissà quando mai un’altra così. Ed anche il sesso non è un sovrappiù messo lì, ma è funzionale al calderone emotivo in cui il regista cuoce a fuoco lento tutti gli ingredienti

Infine una nota. Il film in Italia venne tradotto con ‘Tacchi a spillo’

In realtà l’originale è ‘Tacones lejanos’ (Tacchi lontani) e il titolo prende origine da una frase beliisima che Victoria/Rebeca, rivolge a Marisa/Becky: “Da bambina quando vivevamo insieme, non riuscivo ad addormentarmi finché non sentivo il rumore dei tuoi tacchi in lontananza.

E ci si chiede, una volta ancora, chi traduca i titoli delle pellicole.

 

Hanno partecipato questa settimana:

L’economa domestica – http://economiapersonale.blogspot.it/2015/02/lunedi-film-luigi-filippo-damico.html – con un Guglielmo il Dentone con un Sordi d’annata

La ‘povna – https://nemoinslumberland.wordpress.com/2015/02/23/garage-olimpo-marco-bechis-lunedifilm/ – con un Garage Olimpo di Marco Bechis, che quadra il cerchio con la lettura di Kamchatka

Roceresale – https://roceresale.wordpress.com/2015/02/23/rifletto-sullesistenza-come-il-piccione-ma-il-mio-sulla-panchina-ci-ha/ che recensisce talmente bene da incuriosire e spingere alla visione.

E, buona settimana a tutti.

 

Annunci

25 pensieri su “Lunedì film – Tacchi a spillo – Pedro Almodovar

  1. Adoro Almodovar. Li ho visti tutti i suoi film e, se posso permettermi, suggerisco di vederlo in lingua originale, sottotitolato se serve, perché per quanto siano bravi i doppiatori italiani, non riescono a rendere giustizia al carattere, al temperamento dei suoi personaggi.
    E che splendida recensione la tua 🙂

      • Todo sobre mi madre è il mio film del cuore e piango come una fontana ogni volta che lo rivedo. Uh, questi spagnoli, se sanno raccontare certi sentimenti, certe passioni, certi dolori… Anch’io credo di averlo visto in Spagna, la prima volta, sai? 🙂

  2. è uno dei pochi film di almodovar che mi manca; non però la colonna sonora, brava che l’hai citata, di una bellezza notevole.
    per rispondere all’ultima domanda (forse già ti portai l’esempio, per me archetipo delle traduzioni indecenti): lo stesso che deve aver tradotto “eternal sunshine of the spotless mind” con “se mil lasci ti cancello”.

    • Ecco bravo, il giusto esempio di titolo del cavolo per uno dei miei film preferiti e guardato solo perché in radio un dj disse: non fate caso al titolo da film demenziale la storia é una di quelle che vanno viste.
      Aveva ragione.

  3. Pingback: Rifletto sull’esistenza come il piccione, ma il mio sulla panchina ci ha… | roceresale

  4. Pingback: Garage Olimpo – Marco Bechis #Lunedìfilm | Slumberland

  5. Mi piace molto, e concordo con te sul fatto che sia il primo film in cui già fa capolino la sua immaginazione melodrammatica successiva (che è quella dove io l’ho amato più forsennatamente: Tutto su mia madre, ma Anche parla con lei, per il quale sono svenuta in sala. Giuro).

    ps. Oggi, finalmente, ci sono anche io: il film non è un capolavoro strictu sensu, ma ha un suo perché, anche civico, vorrei dire.
    https://nemoinslumberland.wordpress.com/2015/02/23/garage-olimpo-marco-bechis-lunedifilm/

  6. Vero che Almodovar è un regista che ami o odi, e se lo ami è proprio una cosa viscerale, che agisce su certe strutture di testa/di pancia molto basiche. E poi, dopo, ci ripensi. Almeno, per me è così.

  7. Pingback: Lunedì Film – Tutto su mia madre – Pedro Almodovar | IO ME E ME STESSA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...