Per fare un albero

E poi accorgersi che nonostante gli inevitabili errori, nonostante il turpiloquio ottimo ed abbondante, nonostante l’anarchia, pressoché perenne, qualcosa di buono, in fondo lo stai facendo. E non perché tua figlia consideri anomalo un cane vestito di chiffon. Ma perché stasera, mentre facevi manovra per parcheggiare, ti urla: ‘mamma, mamma lì no, lì no.’ E tu la guardi, e non capisci, e lei sicura della sicurezza dei suoi cinque anni ti spiega: ‘lì no, lì è il parcheggio dei bisabili (che sarebbero dis, ma lì non ce la possiamo fare)’ e tu pensi che si qualcosa di buono l’hai fatto, alla faccia della tata Lucia.

e no, quello dei disabili era quello accanto ma è l’intenzione che conta

Annunci

17 pensieri su “Per fare un albero

  1. I bambini sono meravigliosi. Una volta il mio, al vicino di ombrellone che aveva detto di no ad un venditore ambulante, fece:” si dice no grazie”. Facciamo un incontro di nani!!!

  2. scena analoga, l’altra sera, in coda davanti al bagno. arrivo con il pargolo e chiedo: “qui inizia la coda?”. la persona in coda mi guarda, guarda il pargolo e dice: “sì, ma tu sei un bimbo, passa prima tu”. lui, lapidario: “no, la coda si rispetta”.
    e che dire, son soddisfazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...