Sciur padrun da li béli braghi bianchi, fora li palanchi ch’anduma a cà

Lettera aperta a Giorgio Squinzi

Egregio Sig. Squinzi,

la chiamo signore, e non dottore, o commendatore, o sailcielochealtro, non per mancanza di rispetto, ma proprio per rispetto. Che essere signori, è qualcosa che vale assai più di un titolo di studio o di un’onorificenza. E sarà forse per quello che io, il mio, non lo uso mai.

Lei ha, suppergiù, l’età che avrebbe il mio papà, e lui non ha mai avuto difficoltà a confrontarsi con me e con i miei coetanei alla pari. D’altronde, a quarant’anni, non si è più giovani. Te lo dice la stanchezza, dopo le nottate di lavoro (la stessa stanchezza che a trent’anni scivolava via leggera), te lo dicono gli obblighi (familiari, economici), te lo dice il buon senso. Gli unici a non dirlo sono i tg, che continuano ostinatamente a chiamarci giovani, forse per non dover ammettere che abbiamo qualcosa da dire.

Lei, sig. Squinzi, sta occupando, in Confindustria, un ruolo che per parecchi decenni è stato identificabile con la FIAT. Da Agnelli in poi (Pininfarina, Lucchini, Montezemolo) il denominatore è stato chiaro. D’altronde, il metro, in questo Paese, è sempre stato che se va bene per la Fiat, va bene per Torino e va bene per l’Italia.

Ecco, forse non andava così bene, e magari, se ci si fosse pensato allora, oggi non saremmo qui, ma piangere sul latte versato a che serve ormai? Forse varrebbe la pena di iniziare a spazzare il pavimento.

Preso dagli strali, da lanciare contro tutti, lei, ed i suoi degni colleghi di API (che dovrebbero tutelare la piccola e media impresa), avete guardato le pagliuzze negli occhi di tutti, tralasciando le travi conficcate nei vostri.

Eh, già, perchè, se il Paese è in crisi, la colpa è di tutti. Dei sindacati, che proteggono i fancazzisti e non vogliono mai cambiare le cose (non si agiti, la signora Camusso, ha già dato, su queste pagine), sul governo, immobile, sulle tasse, che son troppe, sulle infrastrutture, che non ci sono. Manca solo il meteo, ma a quello pensano i suoi colleghi di Confagricoltura (altre bella gente, sia detto en passant), non abbia timore.

Signor Squinzi, ma un po’ di autocritica, voi, mai? Dov’erano i capitani di industria quando, prima della crisi, l’export (ma anche il mercato interno, suvvia) tirava alla grande?

Come li utilizzava gli utili? Facendo i riparti tra soci e comprandosi la barca, da ormeggiare a Monte-Carlo, che son tutti lupi di mare, finchè stanno alla fonda? Dice di no? Io dico di sì, invece.

Sa, signor Squinzi, le nobili schiatte degli imprenditori, in questo Paese che decade ogni giorno un poco, son finite da anni. Nel bresciano, nel bergamasco, nel nord-est che produce, quegli indefessi lavoratori che andavano in fabbrica anche il sabato e la domenica, che bevevano un’ombra coi dipendenti più anziani a fine giornata, che mandavano la moglie a spazzare il pavimento dell’officina (e a volte, l’officina, come la chiamavano loro, dava da lavorare a quaranta, cinquanta persone), non ci sono più.

Io, che non son vecchia, ma, ahimé, neppur più giovane, ne ho conosciuti alcuni. Anche lei, lo so. E’ solo che fa finta di no. La capisco. Meglio non pensare, che a pensare, si vede meglio quel che c’è, e la malinconia aumenta.

Eh già, perchè, quelli, son morti. E ci han lasciato in eredità i figlioli. Che insomma, o non se ne erano accorti, o han fatto finta di nulla per non vedere, ma a forza di lavorare quei padri, i figlioli, son venuti su come son venuti su. Non benissimo, per usare un eufemismo.

Perchè sa, Sig. Squinzi, pure educare i figli è un lavoro, creda. Invece i nostri pionieri, storditi dalla fabbrichetta, dal fatturato che si impenna, dalla sindrome di Perego (e se non sa chi è, si legga Com’é bello il Nord di Albanese, è illuminante, perfino), si son scordati che i virgulti crescevano, senza nessuno che li tenesse a bada. E questi son cresciuti, spesso ignoranti come zappe, che si sa, ‘la cultura non si mangia’ come sosteneva il vate di molti di loro, se lo ricorda quel tal Tremonti, il commercialista di Varese con la fissa della finanza creativa? Ecco, proprio lui.

Però dell’ultima BMW, dell’ultima biondona, della barca e delle vacanze esotiche, eh, di quello i virgulti sapevano tutto. E avrebbero avuto anche i soldi per mantenersele quelle cose, ma appiopparne i costi alla fabbrichetta faceva risparmiare. E pazienza se poi i costi lievitavano, e gli utili si assottigliavano, e la ricerca e sviluppo, quella sconosciuta, spariva dall’orizzonte.

E poi, tutto quel vostro vociare sui clientelismi nella P.A. Vogliam dimenticare quanti amici, amici degli amici, e figli di amici degli amici avete assunto, negli anni, a suon di raccomandazioni? Che pareva di stare ad Amici della DeFilippi, che tra l’altro, spesso, pure il livello era quello? E di quei direttori del personale, specie nelle PMI, che altro non erano che dei ragionieri esperti in paghe e contributi, e che la formazione la classificavano alla voce ‘perdita di tempo’? Oppure se la Provincia (Regione, Stato) obbligava, un bel corso a pioggia per tutti, e pazienza se il contabile faceva inglese ma poi fatturava creativamente gli incoterms.

E poi, scusi ancora, ma invecchiando ci si fa noiosi, se le ricorda tutte le vostre lacrime e recriminazioni sulla mancanza di infrastrutture, sulle troppe tasse, sull’eccesso di burocrazia. Mai sentito uno di voi dire, che le tasse son sì troppe, ma ci son pure troppi furbi che non le pagano, e (patetico a dirsi) spendono, in commercialisti furbetti, più di quel che riescono a fregare allo Stato. E si sentono tanto intelligenti, perchè loro, lo Stato, lo fregano. E mai l’illuminazione di ricordarsi che lo Stato siamo noi, tutti noi, pure loro. Anche se se lo ricordano benissimo, quando è ora di farsi dare l’accompagnatoria per la vecchia nonna, proprio loro che si sfiondano in macchina l’equivalente di cinque anni di stipendio della badante, e te la fan vedere, tutti orgogliosi (macchina e badante, qualche volta).

Loro che con quel che si son intascati di nero in questo Paese dovremmo essere tutti miliardari, e l’unica consolazione (magra, anzi, anoressica) è che se anche li avessero versati la nostra ineffabile classe politica sarebbe riuscita a mangiarsi pure quelli.

Sig. Squinzi, mi creda, noi stiam messi male, ma voi, che ormai non avete più progettualità, visione e senso della realtà, peggio. Perchè noi, una sera di queste, prenderemo infine atto che non c’è speranza di redenzione per questo pollaio e ce ne andremo, altrove, a far con dignità quel che abbiamo sempre fatto, perchè un mestiere, alla fin fine, ce l’abbiamo. Ma molti dei suoi accoliti, finiranno per mangiarsi anche le mutande che indossano. E, quel che è peggio, stanno ballando sulla tolda del Titanic senza darsene minimamente conto.

Annunci

24 pensieri su “Sciur padrun da li béli braghi bianchi, fora li palanchi ch’anduma a cà

    • Donna Emma è stata un pessimo presidente di confindustria e una pessima presidente dei giovani industriali. Lì, soprattutto, per fargli interessi di famiglia, che, nello specifico, non veleggiavano alla grande. Non so se son lanciatissima, amme, ma ne avrei le palle un po’ piene per usare un francesismo. La situazione mi pare ad un punto di non ritorno, e se implode lo stato sociale rischiamo il collasso. E non per dire.

  1. Pingback: Kataweb.it - Blog - pensierini » Blog Archive » SSciur padrun da li béli braghi bianchi, fora li palanchi ch’anduma a cà

  2. Un mio amico mi dice sempre che noi un po’ abituati ad avere poco siamo e davanti alle difficoltà più nere con dignità ce la caveremo. Può darsi. Ma a me sembra di vedere qualche scialuppa battente bandiera liberiana o arubiana, ecco, arubiana va benissimo, che alla fine mentre il Titanic affonda se li porta via in salvo i creativi di Varese e di tutta la penisola, isole comprese. Pessimismo e fastidio.

    • Se ragioniamo intermini di denaro, c’è sempre una cialuppa arubiana, per costoro. Se ragioniamo in termini di potere, sono su una nave che affonda e senza scialuppe. Ed alcuni di loro, senza potere, son cenere.

  3. Lettera difficile, anche questa, e anche questa molto bella. Poi, un giorno, parliamo anche della Cig, che (riferimento alla Fiat iniziale docet) ha parecchio da dire, in questa nostra economica vicenda di declino. Io vorrei che chi lavora nel privato, e in posti di responsabilità, come te, avesse solo un ottavo della tua consapevolezza e intelligenza, e amore per la storia, la politica e la cultura. E vedi che staremmo messi diversi, staremmo.

    • Grazie cara. La CIG è stata una stortura tutta italiana, un’ammortizzatore sociale trasformato in sussidio alle imprese ed in strumento clientelare. Ogni volta che vedo Marchionne, credo che, se avessimo un governo serio, la prima cosa che dovrebbe fare sarebbe chiedergli indietro i soldi. Vedi come si calmano, lui, i maglioncini e gli Agnelli/Elkann.

  4. Mi scuso se sono nuovo di qui. Mi sembra che iome abbia ragioni da vendere.
    Purtroppo non è solo un’impressione personale: dall’inizio degli anni 2000 (anche se prima non erano sempre rose e fiori) gli investimenti nelle aziende italiane sono crollati, tanto di più quelli dall’estero.
    E se si vuole far concorrenza alla Germania, che invece gli investimenti li ha fatti eccome, bisogna aumentare la produttività, e si può fare solo investendo in impianti + moderni ed efficienti. Ma dove sono i soldi ?
    E allora si sente dire (dai tedeschi per primi) che, non potendo più svalutare la moneta, e non volendo/potendo fare investimenti l’unica via per abbassare i costi per unità di prodotto è lavorare più giorni/ore a parità di stipendi (diminuiamo le ferie, ne facciamo troppe, aumentiamo l’orario) o abbassare la retribuzione oraria (tagliamo gli stipendi del 30 %). Così avremo meno PIL, meno tasse, più debito/PIL etc etc etc. Il guaio è che, tecnicamente, han ragione i tedeschi.
    Domanda: chi ha governato dai primi anni 2000 ad oggi, salvo i meno di due anni del Prodi2 ? E cosa ha fatto di politica industriale, a parte mettere in discussione l’articolo 18 con Sacconi, per due legislature con una maggioranza che neanche De Gasperi ?
    Ora paghiamo le cose non fatte 10/15 anni fa, anche se correggiamo la rotta, vedremo i frutti tra 20 anni: ma lo stiamo facendo ? E, soprattutto, chi ne parla di queste cose al paese ?

    Anonimo SQ

    • Benvenuto. E grazie. Grazie per un post che non solo è condivisibile, ma dovrebbe campeggiare sulle prime pagine di tutti i quotidiani per chiarezza ed incisività. La ricetta che proponi è l’unica ad essere realmente viabile. Adesso, estraggo il tuo post dai commenti, e lo metto in bacheca. E grazie ancora

  5. “Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci”, dopo aver letto questo post molto preciso e senza ipocrisie, per andare nel posto che non so, mi piacerebbe averti come guida, certo che sapresti indicare la strada giusta.
    Ciao e grazie.

  6. condivido in pieno. Quando l’azienda di mio marito ha chiuso, per la crisi del settore, ma soprattutto per l’improvviso dietrofront delle banche, ci siamo trovati soli. Qui nella zona si è perso un patrimonio di conoscenza, di abilità che era veramente una ricchezza e si è lasciato scivolare via. Ora è difficile riprendere dopo aver distrutto una rete di piccole e piccolissime imprese che costituivano la realtà del nostro paese.

    • Sulle banche ci vorrebbe un post a parte. Non se ne dirà mai male abbastanza. La piccola e media impresa è stata un punto di forza, nel tempo avrebbe dovuto trasformarsi in distretti ad alta specializzazione mettendo in comune conoscenze. Ciò non è mai avvenuto, per mancanza di incentivi da parte del sistema, ed anche per una sostanziale miopia delle associazioni di categoria. Quelle imprese, oggi, sole ed esposte ad ogni tipo di sollecitazione, navigano in un mare pericolosissimo.

      • Vivo da qualche anno in uno degli ex distretti di successo, nella ex locomotiva d’Italia; sul modello di “officina” (fabbrica, stabilimento, garage riconvertito) classico del “paron” posso dire molto, e non certo di bene. Perché quando scopri quello che c’è dietro (in termini di evasione fiscale, mancato rispetto delle regole di sicurezza e delle regole in generale, falsi prodotti con le stesse macchine che creavano i pezzi buoni, la programmazione messa in mano all’operaio più fedele ed omertoso e non ad una persona competente) capisci il perché i distretti avanzati in molte zone non sono nati e non nasceranno più.

  7. Mamma mia…che lucidità, che chiarezza, che concretezza di scenari! E intanto mia figlia, mio genero e i miei due splendidi nipotini emigrano in Canada. NonnaElena (che se avesse ventanni di meno andrebbe anche lei)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...