Faremmo volentieri a meno anche di quelle con il solo pensiero che far vedere il culo lo si possa definire un lavoro

Sempre a proposito di casi umani in luogo di mare. Scopro, chiacchierando coi locali, di una specie antropomorfa parecchio attiva da giugno a settembre sulle coste sarde, con particolar predilezione per quelle di nord est.

Salgono e scendono dalle barche (non certo dei gozzi) alla fonda nei porti. Sempre con bagaglio al seguito. Da lì la definizione dei locali di ragazze trolley.

Sono belle, molto belle. Quasi tutte italiche, anche se non mancano tocchi esotici.

Sono escort? Formalmente, non saprei. Comunque, qualcosa che molto vi si avvicina.

Il loro destino? Riuscire prima o poi a convincere uno dei ricchi convenuti a farle diventare la moglie numero due, tre o quattro, divenendo un’affascinante badante per un signore in là con gli anni. O finendo a fare la mantenuta del suddetto signore, che non ci pensa nemmeno, per calcolo, opportunità o mero buon senso, a disfarsi della consorte di una vita. ma che pur tuttavia non riesce a non cedere al fascino di giovinezza e bellezza. Qualcuna, invece, finirà a fare la escort a tutto tondo, e arrivederci ragazzi.

Le meno furbe, le meno dotate, in qualche rehab a disintossicarsi dal troppo alcol e dalla troppa coca.

Sono interessanti queste ragazze, se eviti di giudicarle. Parlano almeno un paio di lingue a testa. qualcuna, di più.

Certune sono colte. Colte veramente, intendo, mica quelle culture posticce che gratti con l’unghia e vien via la vernice.

Eppure. Eppure fanno una vita che molti considerano esecrabile. E che nessuna di noi considererebbe una potenziale carriera per le proprie figlie. Come sintetizzava un pescatore del posto. Alla fine son puttane. di lusso, ma pur sempre puttane. Eh.

Quel che turba è che non stiamo parlando di ragazze prive di risorse. Non sono le ragazzine, le giovani donne o anche le donne più mature scaricate dal racket ogni sera sulla statale.

Scelgono liberamente, e coscientemente, il proprio destino. Anche se avrebbero potuto avere tutto. Anche se, con quei visi, con quei fisici. con quelle lingue parlate disinvoltamente, non avrebbero avuto difficoltà a trovarsi un lavoro serio. Anche ben retribuito. Senz’altro stabile. Ci sono negozi, nei quadrilateri della moda di tutt’Italia che per ragazze così farebbero carte false, e, tra fissi e provvigioni sulle vendite, guadagnerebbero come un buon quadro aziendale.

Ma non potrebbero, ça va sans dire, raggiungere quel lusso cui anelano ed aspirano. Quel lusso che ti consente di sfoggiare borse che, da sole, valgono come il PIL di un medio paese africano.

E l’unico modo per raggiungere quello status, è nascerci, avere un’eccelleneza tale nel modo del lavoro da arrivarci (ma è roba per pochi) oppure agganciare qualcuno che già ci si trova dentro, se per merito o per botta di culo, non sta a me stabilirlo.

Non c’è giudizio morale da parte mia, in tutto questo. Parliamo di gente che vende qualcosa di proprio, mica qualcosa di mio, e che non mi sottrae, francamente, nulla.

Purtuttavia mi pare che esprima un interessante punto di vista sulla deriva di un Paese che è in crisi per ragioni che sono anche economiche, ma che partono da una società disgregata e priva di motivazioni, siano esse laiche o religiose.

E credo sia giunto il momento di smettere di accusare questa imbelle classe politica per osservare cosa siamo diventati. A guardarci dentro, il futuro appare ancora più fosco.

Annunci

11 thoughts on “Faremmo volentieri a meno anche di quelle con il solo pensiero che far vedere il culo lo si possa definire un lavoro

  1. Io credo che ci sia sempre stata gente che pensa che per avere un certo status si possa sopportare tutto. Alla fine, queste ragazze, come hai detto, danno del loro. a me fanno tristezza ma probabilmente a loro faccio tristezza io…

  2. mi hai fatto ricordare che qualche tempo fa avevo scari… ehm, avevo preso in videoteca 🙄 un film che avevo messo in conto di guardare sul tema, film di ozon presentato a cannes l’anno scorso e a quanto so molto apprezzato dalla critica: http://it.wikipedia.org/wiki/Giovane_e_bella
    di fronte all’interrogativo se sia la cultura a fare la escort o viceversa, certo, non può non venirmi in mente che il nostro ex-ex-ex-presdelcons (se si trascura per un attimo il fatto che fosse un gran puttaniere) indicava, come viatico per l’uscita dal precariato, il matrimonio con un giovane e ricco industriale. non mi sembra, a memoria, che ci sia stata – fatto salvo una ridotta cerchia – grande opposizione concettuale a quella malsana idea.

    1. Ecco, ammennicoli stavolta mi ha proprio preceduto 🙂 Con la classe dirigente, politica e affaristica, che ci siamo trovati tra i piedi per un ventennio, lodata e riverita e ammirata, è un miracolo se esistono ancora ragazze che non intendono vendersi per un cospicuo assegno mensile. Le aspiranti olgettine non sono che un portato dei nostri tempi marci dentro.

      1. Le aspiranti olgettine dimostrano che si può saper fare nulla (no, beh, una cosa sì in effetti) vivendo a mille. Come la maggior parte di questa Italia. Verissime le tue affermazioni

  3. Non so se vendono proprio qualcosa che è solo loro, io credo che la faccenda sia sufficientemente intricata. In un mondo dove le risorse sono finite, e le borse che valgono come pil di piccoli stati siano solo per pochi, penso che nel lusso ci sia più colpa che merito. E se uno aspira a vivere (o vive già) avendo molto più degli altri la cosa mi tocca eccome. E’ per quelle borse e quei chili di coca che ci sono bambini, nei piccoli paesi africani, che fanno scuola senza libri, senza sedie, e pure senza scuola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...