Se potessi avere, mille lire al mese

Trovarsi d’accordo, per una volta, con Renzi, e, parzialmente, con la Picierno, son traumi dai quali uno potrebbe pure non riprendersi, per dire.

Intendiamoci, non è che 80 Euro in più in busta paga cambino la vita. Però son meglio di un calcio nel culo, per esempio.

Che poi si permettano di definirla un’elemosina i forzitalioti, lo trovo delirante.

Quando l’intrattenitore di anziani Silvio B. con la valida collaborazione dell’allora Ministro delle Finanza (creative) Giulio Tremonti, varò la social card, ci rincoglionì di spot, passaggi tv, e quant’altro.

La social card erogava 40 euro/mese (quindi 80 euro sempre ma ogni 2 mesi) ed in più umiliava il possessore, che per fruirne doveva estrarre la famigerata tesserina dichiarando pertanto di essere con le pezze al culo. Una mossa geniale, economicamente e psicologicamente.

Questi almeno i soldi te li danno in busta paga e per il resto del mondo resti quello che sei, un consumatore, un cliente.

Che poi, 80 euro saranno anche pochi, come sostiene la Camusso, ma se ne guadagni 800, son pur sempre il 10% della tua retribuzione.

Infine la Picierno. Simpatica come un gatto attaccato ai coglioni (nostri). Capolista per il Sud in virtù di non so quali competenze (non vuole essere battuta triviale, semplicemente ignoro quali siano le competenze della Picierno, io l’ho sentita in un paio di dibattiti e m’è parsa ignorante come una zappa, poi, invece, magari, è un genio).

Però. Però la Picierno quando dice che 80 Euro bastano per due settimane di spesa, forse forza un po la realtà, ma non è che menta spudoratamente.

La spesa mia, della nana e dell’Uomo, settimanalmente si aggira sui 100/110 Euro. Siamo in 3. La nana alcune cose le mangia a parte. Non effettuo specifiche strategie di risparmio se non quella di acquistare specifici prodotti solo quando sono in sconto (quasi tutte le catene di supermercati hanno una ciclicità regolare nell’applicazione dello sconto, se ti organizzi, acquisti quasi sempre scontato). E’ pur vero che i singles spendono di più per effetto del costo del packaging e per la difficoltà nel reperire monoporzioni. Però è anche vero che su certi specifici prodotti  hanno consumi inferiori (per esempio i detersivi. assumo che due adulti e una bambina necessitino di un maggior numero di lavatrci settimanali rispetto ad un single adulto). Non è perciò una forzatura dire che con 40/45 euro puoi fare la spesa settimanale. E che con 80 ti esce la spesa di un paio di settimane.

Il resto, è filosofia. Se compri bio (che è più caro) è una scelta (tua, non un obbligo che debba accollarsi lo Stato. Se compri prodotti di alta fascia idem.

Questi 80 Euro non cambiano la vita. D’accordo. Ma sono stati tirati fuori da qualche capitolo di spesa. Altre idee, in primis il reddito di cittadinanza, costerebbero talmente tanto, da essere semplice demagogia acchiappavoti.

Annunci

14 pensieri su “Se potessi avere, mille lire al mese

  1. ma guarda, in realtà con un pochina di autoproduzione e con un minimo sobrietà nei consumi, a dirla tutta, è possibile stare nei 50-60 euro settimanali anche con spesa prevalentemente bio e con un po’ di spese grosse spalmate sugli acquisti collettivi con un GAS.
    il punto che per me rimane assurdo del battage mediatico attorno agli 80 euro è che siamo così idioti che inseguiamo per un mese proposte populiste una-tantum quando, sulla carta, quegli 80 euro sono davvero solo un tiolo di giornale: se non ho sabglaito a capire andranno ai lavoratori dipendenti (e già qua abbiamo taglaito via la fetta di popolazione a cui servirebbero di più) il cui reddito sia inferiore ai 26mila euro e la cui imposta lorda sia superiore all’importo della detrazione per lavoro dipendente. e anche qua mi casca l’asino, anzi come diceva bergonzoni scapicolla la vacca e inciampa il cammello (una fattoria ben avviata andata a p… per un proverbio ricordato male). non ci siamo, non ci siamo proprio: non vedo minor demagogia di quella del reddito di cittadinanza, sai?

  2. io sono una single. con 80 euro posso fare la spesa per due settimane.
    però.
    (ce n’è sempre uno)
    io pranzo fuori cinque giorni al mese: in ufficio non ci sono né una stanza né un forno (a microonde o meno) per scaldare un pasto portato da casa. vivere di panini (da 13 anni) mi avrebbe ridotta alla gastrite cronica.
    ecco che dagli 80 euro ne devi sottrarre 50 (circa 5 al giorno) per i soli pranzi feriali.
    no, due settimane, secondo me, sono troppe anche per un single.
    poi, se me li danno, ti avverto e facciamo un esperimento 😀

  3. Sottoscrivo Ammenicoli. Io sto tranquillamente dentro gli 80 euro quindicinali, comprando e mangiando bio e senza badare troppo agli sconti ma applicando sobrietà e totale sprezzo delle scadenze (sono ancora qua, viva e vegeta e, dicunt, dall’aspetto giovanile di almeno dieci anni rispetto ai miei, dunque non fa male). Con lo stipendio da insegnante e null’altro di mio mi farebbero altro che comodo, gli 80, con tutto che io risparmio mensilmente quel centinaio di euro, affitto incluso. E assicuro che sono ben lontana dall’avere i 26mila. Ma sull’imposta lorda casca la ‘povna, e dunque ciccia. Per tacere del fatto che per domandarli devi compilare apposito modulo all’Agenzia delle Entrate, con tutto che, essendo per lavoratori dipendenti con detrazione all’origine, non dovrebbe esserci bisogno di modulare proprio nulla. Renzi è, e resta, un venditore di folletti. Il resto son titoli di giornale.

    • Rispondo a te, ad ammenicoli e in parte pure a tigli.
      Totalmente d’accordo. Sul fatto che facciano marketing, sulla difficoltà ad averli, quei soldi, e soprattutto sul fatto che ci sono molti lavoratori ‘simildipendenti’ che non li avranno. Quel che disturba (me) son state le critiche inutilmente capziose al provvedimento. Non sono un’elemosina e soprattutto non sono così pochi. Quanto al mangiar fuori in pausa pranza, io da anni mi organizzo con una schiscia fredda. Il vecchio pietanziere. Con dentro quel che capita. Verdura per lo più. Ma in estate anche riso (o pasta fredda). Se manca il frigo, una borsa frigo è più che bastevole. Non solo risparmio. Preferisco e soprattutto so quel che mangio. Lavorando molto col settore dell’alimentazione, ho buone ragioni per temere. Il bio no. Sorry ragazzi, ma non ci credo. Ho visto tanti e tali abusi, da cavare la voglia. Sulle scadenze, mi fido del naso, non della data, spesso brevissima, e solo per aumentare i consumi

  4. io non ci sputerei neanche se fossero 5euro al mese..basterebbe sapere che sono frutto di una politica che vuole veramente cambiare le cose partendo da grandi manovre e, perché no, anche da piccoli segnali. il problema è che io, che sia così, non ci credo proprio per niente.

  5. il punto non è se 80€ siano pochi o tanti, il punto è che con una mano ce li prendono e con l’altra, forse, li rendono (con criteri anche discutibili).
    a ritengo una farsa, una propaganda pre-elettorale come se ne sono viste tante. nulla più, secondo me. il reddito di cittadinanza sarebbe una gran bella cosa ma temo che la sua sostenibilità o meno possa essere strumentalizzata politicamente, e quindi, affondato il progetto prima di poter essere seriamente valutato.

  6. Io inizialmente mi ero irritata per la questione che li danno solo ai lavoratori dipendenti (e non a quelli cacciati fuori dal mondo del lavoro). Poi però ho realizzato che se li avessero erogati a chi “dichiara” meno di 26.000 euro, indiscriminatamente, li avrebbero ricevuti anche i poveri gioiellieri e professionisti ecc. Perciò, mi son detta, per una volta premiamo quelli che sono sempre e comunque già tassati alla fonte, onesti per forza. Poi si cercheranno rimedi anche per gli altri e le fasce davvero deboli. E sì, con 40 euro alla settimana si può vivere da sli. Anche comprando la carne e con una buona gestione delle offerte. E ahimé credo che ci vivano anche molte famiglie… Basta farsi un giro al Lidl e guardare nel carrello degli altri.

  7. sono d’accordo con te. anche se mi ha fatto molto ridere il commento della Povna sul venditore di folletto ( che io ho…il folletto non il venditore…e lo uso moltissimo…sempre il folletto )!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...