Venticinque Aprile

Il Venticinque aprile 1945 vennero liberate Torino e Milano. Terminava, definitivamente, anche al Nord, la dittatura fascista e l’occupazione tedesca. L’Italia iniziava un processo di rinascita democratica che la portò, nel bene e nel male, ad essere ciò che siamo oggi.

Per quanto, e in questo blog accade spesso, si possano criticare le istituzioni repubblicane, chi scrive ha sempre ben chiaro che, a questo paese, può solo dire grazie.

Per averle permesso, donna, di studiare e svolgere la propria professione. Due cose che, da donna, le sarebbero state precluse in molti Paesi.

Per averle permesso di esprimere le proprie opinioni.

Per averlo potuto fare senza il timore di vedersi la porta di casa sfondata a calci, e con la pancia piena, due circostanze che tendiamo a dare per scontate e scontate non sono affatto.

Per essere stata curata, se malata, da una sanità che ci permettiamo di definire scadente solo per non aver mai avuto modo di far raffronti altrove.

Il Venticinque Aprile 1974, coincidenza della vita l’anno in cui nacque la tenutaria padrona di casa, cadeva in Portogallo la dittatura salazarista. Avamposto di fascismo, sopravvissuto alla II Guerra Mondiale, al pari del Franchismo, in virtù di una neutralità che li pose al di là del bene e del male.

Il Venticinque Aprile 1976, quegli stessi militari che avevano rovesciato Caetano (l’erede di Salazar morto nel 1970) indissero le prime libere elezioni dal 1926 e consegnarono (caso rarissimo nella storia) il potere nelle mani dei socialisti che avevano trionfato alle elezioni.

Che la libertà, bene unico e prezioso, per la quali molti lottarono e caddero, vi accompagni sempre. Che i vostri figli possano sempre essere liberi, ed apprezzare di questa libertà il valore.

Buon 25 aprile

 

 

Annunci

10 thoughts on “Venticinque Aprile

  1. Se si annacquerà, è perché non siamo stati abbastanza bravi, noi che abbiamo ereditato la libertà vista nei corpi delle persone che hanno combattuto.
    Perché quello per cui hanno combattuto era proprio – Fenoglio docet – perché non dipendesse dall’esempio di singoli uomini, che come tali, erano umani e potevano pure sbagliare. Come spiegavo ai Merry Men ieri, c’è una differenza tra la memoria collettiva e comune (che ricorda le scelte di tutti) e la memoria condivisa, sulla quale si fonda la Costituzione della nostra Repubblica, e rivendica con orgoglio il diritto di aver fatto scelta di valori.

    1. Però si annacquerà, ha ragione la Pellona, sai ‘povna. Potremo trasmettergli il valore della libertà, e l’importanza di lottare per essa. Ma non certo il senso di ciò che fu. E di perchè fu. Non finchè non avranno anche loro una Bella, da salutare. O una Grandola, da difendere.

    1. Non so perchè ma non ti ci vedo tra gli ignavi. Poi, senz’altro, ciascuno di noi si pone rispetto a certi aspetti con più o meno intensità. Ed è pur ben ovvio che alla quattrenne non è che posso spiegare il nazifascismo, la resistenza e quant’altro. Per ora mi limito a far sì che rafforzi il senso del rispetto per l’altrui, e impari che condividere è l’unico modo per coesistere. Poi, col tempo…

  2. Em cada esquina um amigo
    Em cada rosto igualdade
    Grandola vila morena
    Terra da fradernidade
    L’ho cantata, una volta, sai. Ero a Lisbona, una decina d’anni fa, avevo da fare sia il 24 che il 26. Decido di fermarmi il 25. Erano migliaia, in Avenida da Liberdade. Con i garofani rossi in mano. Quando ho spiegato che ero italiana, e che il 25 aprile significava la stessa cosa anche in Italia, son finita poi a mangiare con loro dalle parti di Largo do Carmo. Mi son sentita a casa. Come sempre, tra l’altro, in Portogallo. Q questa strofa, mai come quel giorno, l’ho sentita mia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...