Ci scommetto che nevica, tra due giorni è Natale

Dieci indizi da cui si evince che siamo entrati nella settimana di Natale.

1. Nessuno è più buono, ma molti son decisamente più maleducati

2. Per qualche insana ragione, ogni anno minio a mano un miliardo di biglietti di auguri di Natale. La scusa è che avrei una bella calligrafia. Da quest’anno regalerò normografi, al fine di ovviare all’inconveniente

3. La nana ha voluto le lucine sul terrazzo, affinchè babbo Natale la trovasse senza fatica. L’uomo s’è lasciato prendere la mano, e io temo che a breve atterrerà un charter diretto a Malpensa.

4. C’è la crisi. Profonda e nera. Eppure son circondata da gente che parte per mete esoticissime. E non proprio abbordabili.

5. E’ Natale. E se hai voglia di scrivermi gli auguri sei bene accetto. Ma per favore, sti cazzo di sms ciclostilati tienteli per te. Scrivi due righe. Di cuore. Foss’anche vaffanculo.

6. Il vicino, che incontriamo ogni giorno, e che ogni giorno non saluta, incrocia l’Uomo, gli augura buone feste e aggiunge ‘ossequi alla sua signora’. L’Uomo basito (soprattutto dall’ultima frase), dice che lo preferisce quando non saluta. Io sono atterrita. Signora a me? Ma da quando? E soprattutto, perchè?

7. Tutti quelli che chiamano in ufficio in questi giorni hanno la verve di un bambù e l’entusiasmo di Dead Man Walking. Frase media: ‘ma allora chiudete per le feste’. risposta ‘sì, come tutti gli anni’. ‘ma e se ho bisogno?’ te ne fai una ragione mio bel baggiano che non mi caghi dieci mesi l’anno per poi scassare le palle di preferenza a Natale o a Ferragosto

8. Alle finestre son ricomparsi i Babbi Natale che s’arrampicano. A me fanno ansia. Mi sembra sempre che entri un ladro in casa. Lo so, non son normale. Ieri ne ho vista una variante interessante. Da un terrazzo pendeva un Babbo Natale. Appeso. Per il collo. Hanno impiccato il vegliardo, cazzo.

9. I bar brulicano di dolci nonnine con la permanente che si scambiano gli auguri con le amiche. Sembra di essere in Bar Sport di Benni. Parlano solo di morti e malattie. L’Uomo, nel dubbio, fa correre una furtiva mano e si dà una grattatina. Ieri soprappensiero mi fa: ‘ma te non ti tocchi, quando senti le vecchiarde?’ L’ho guardato. ‘Uomo. Non per dire. Vabbè che stiamo insieme da mo’, ma non sono un tuo compagno d’armi. E poi che dovrei grattarmi secondo te?’ ‘Le tette’. ‘Perchè ti paiono un sostituto delle palle?’ ‘Oh, quelle c’hai, mica è colpa mia’. Una conversazione sublime, in effetti.

10. Cosa vuoi per Natale? La frase più cogliona dell’universo. Una Porsche, un viaggio per due alle Fiji, un toy boy cubano venticinquenne ben fornito e che non rompe le palle. Cazzo vuol dire cosa vuoi per Natale? Dipende da che budget hai, per dire. Se hai venti euro, un libro, se ne hai cinque un ebook, se ne hai 100 un paio di stivali.

 

Annunci

15 pensieri su “Ci scommetto che nevica, tra due giorni è Natale

  1. ahahahahah grazie avevo bisogno di una bella risata.Dai Natale è così… questi ultimi giorni sembrano quelli prima della fine del mondo. Per me questo è un Natale alternativo per cui sto provando cose diverse. Davvero. Un augurio da qui potrò fartelo?? Mai con la mia scrittura terribile, non la leggeresti!

    • Certo che puoi farmelo!! Anzi, lo aspetto! Quel che mi secca son quegli sms tristerrimi, da convention aziendale, del tipo, ‘carissimi, buon natale’. Ma mettici almeno il nome, suvvia. Quanto alla calligrafia non ti preoccupare. Decifro da anni quella di amica-sorella, e c’è gente che pensa che sia pronta per l’etrusco

  2. Fantastico .Ne ho un mucchio di vecchiette nel baretto sotto casa le temo come la peste io mi tocco le gonadi o almeno là dove ,date le mie scarse conoscenze anatomiche, credo che siano.
    per natale vorrei 5 giorni di coma farmacologico ma col mio budget prenderò un ebook.

  3. Mandami l’indirizzo, ti mando una delle due bottiglie di grappa artigianali (!) di cui mi hanno omaggiata oggi. Dall’odore, con 5 cl. puoi avere un coma etilico (vabbè non è farmacologico, ma funge uguale) o una lavanda gastrica. Secondo me, han tagliato male la madre dalla figlia e se la passi sul pavimento ottieni un risultato modello varechina… Resta poi da capire come uno possa regalare due bottiglie di grappa a una leggiadra fanciulla…

  4. fantastico, GRAZIE! ad,oro il punto 6, mentre il 9 è, come dire?, famigliare….
    quanto al 10 ho la risposta!!!!! di solito rispondo “una testata nucleare da costruire in giardino, ché ancora faccio la voglia del meccano ma mi sono evoluta….”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...