On the bookshelf – La Solitudine del manager – Manuel Vazquez Montalban

Io per il genere poliziesco/giallo/thriller, chiamatelo come vi cale, ho una predilezione. Spiccata.

Non è letteratura, che già si sa, ma talora, per contigue vie, vi si avvicina.

Molti autori ho cominciato a leggerli prima che diventassero di gran moda anche in Italia. Penso a Petros Markaris, e il suo commissario Charitos, e ad Henning Mankell e Kurt Wallander.

Manuel Vazquez Montalban, scrittore, poeta, gastronomo, invece era già nell’Olimpo, quando mi avvicinai ai suoi libri. Camilleri gli tributerà gli onori che gli competono, intitolando a lui Salvo Montalbano.

Straordinari tutti. Giacchè straordinario era l’autore, dalla cultura finissima, che tesseva storie straordinarie in cui la trama gialla, per quanto eccellente, passava sempre in secondo piano.

Ciò nonostante, La Solitudine del manager, resta a mio avviso uno dei momenti più alti della sua produzione.

Corre l’anno, 1977, e Barcelona e la Catalunia, martiri del franchismo, cercano lentamente di uscire da un tunnel durato 36 anni.

La storia fa da sfondo ad un Paese in cerca di sé, il finale, malinconico e amaramente reale, da solo vale tutto il libro.

Pepe Carvalho, che nel libro si presenta così ‘La mia biografia è impresentabile. Ex rosso. Ex agente internazionale. Amante di una puttana più selettiva che seletta’, ti entra dentro e non ti molla più.

E leggendo di Charo, la puttana più selettiva che seletta, capirete in fondo il senso ultimo di De André e delle Bocche di Rosa di Staglieno, quelle che scendono alla stazione di Sant’Ilario.

Immagine

Questo post partecipa al Venerdì del libro di Homemademamma

Annunci

2 pensieri su “On the bookshelf – La Solitudine del manager – Manuel Vazquez Montalban

  1. “Io per il genere poliziesco/giallo/thriller, chiamatelo come vi cale ho una predilezione. Spiccata.”

    Anch’io! Non pensi che coloro che non lo considerano neanche un genere letterario siano degli snob?
    Per quanto riguarda Pepe, è un grande!

    • Come in tutti i generi letterari ci sono cose sublimi e abomini di prima categoria.
      Nello specifico caso, ritengo Montalban una forma di letteratura.
      Lo stesso per Mankell, Markaris, alcune opere di Stephen King.
      D’altronde, snobismo o meno, resto profondamente convinta che i nostri figli o i nostri nipoti studieranno un giorno la bibliografia di Ken Follett.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...