Dieci

Le dieci cose che mi piacerebbe fare, prima o poi

1. Un altro figlio. Contro ogni logica e buon senso. Di fronte a una vita che già così è un casino assoluto. Un altro figlio, la prima cosa.

2. Prendermi tre mesi sabbatici. Spegnere il cellulare, scollegarmi da Internet. E fare il Camino de Santiago, il Camino Frances, passando da Roncisvalle, per arrivare a fino a Santiago e poi a Finisterre. Per conoscere me stessa, fino in fondo, una volta per tutte.

3. Leggere Guerra e Pace, tutto, senza saltare le pagine.

4. Dopo tante lingue straniere, vive e morte, apprese per necessità, impararne una per il gusto. E con un alfabeto distinto dal nostro, se possibile. Attualmente se la stanno giocando il cinese e l’arabo.

5. Affittare un camper e percorrere gli Stati Uniti da Costa a Costa, con la nana e l’uomo. Mangiando nei dinners, dormendo dove capita. In cerca dell’America profonda, che non è quella di Boston e New York.

6. Visitare l’India ed il Tibet, il Vietnam e la Cambogia.

7. Demasiado corazon. Un anno in Sudamerica. Partendo dal Perù, salutando i tanti amici sparsi per il continente. Vedendo tutti quei luoghi che, quando viaggi per lavoro, non vedi mai. Cercare la risposta alla domanda di sempre: “Che mondo sarebbe stato se avessero vinto i Maya?” E arrivata alla Terra del Fuoco, fermarmi, magari.

8. Andare a Samarcanda (Uzbekistan) e Timbuktu (Mali), perchè da bambina mi sembravano lontanissime, e per me la fine del mondo è lì. Andare a Ny-Alesund (isole Svalbard), il luogo più a Nord del mondo, ed a Puerto Toro (Cile), il luogo più a Sud del mondo. Perchè sono un’inguaribile cazzara.

9. Incazzarmi di meno, o, almeno, più selettivamente.

10. Diventare una vecchia giocosa e leggera. E non rancorosa e noiosa. Perchè se è vero che l’unico modo per non morire giovani è diventare vecchi, non è detto che si debba affliggere il mondo cobn la propria vecchiaia.

Annunci

5 thoughts on “Dieci

  1. Eccomi qui, noblesse oblige (?),a ricambiare la visita … mi sono letta il blog e mi sento talmente affine a quello che scrivi (tranne Guerra e Pace che saltare le descrizioni delle campagne è fisiologico) ,che mi chiedo se a limitarmi a leggere i blog senza commentare da anni non sia stata una gran cazzata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...